ESORDIO A LUCI E OMBRE IN COPPA A MONASTIER. SI PERDE 4-1 MA NON TUTTO E' DA BUTTARE


Esordio amaro in Coppa Veneto per la nostra prima squadra, a dire il vero, più per il risultato che per il gioco. Primo tempo nel quale se i ragazzi di mister Dal Bo fossero andati a riposo in vantaggio non ci sarebbe stato nulla da dire. Ma andiamo con ordine: si parte e la partita si incanala subito sui binari dell'equilibrio. Per dire il vero, ad azioni maggiormente manovrate del Monastier, fanno seguito azioni in verticale dei nostri che con la vivacità di Enrico Zanin e l'esperienza di Fabio Zanatta fanno correre più di qualche pericolo, purtroppo non adeguatamente concretizzato, alla difesa di casa. Quando meno te l'aspetti però i padroni casa, con maggiore esperienza, puniscono: corner dalla destra e capovolgimento di fronte sulla sinistra con cross sul quale di avventa un attaccante avversario che, al volo, batte l'incolpevole Pecorelli. I nostri si riversano in attacco e a 4 minuti dalla fine del tempo Enrico Zanin si invola sulla sinistra superando in velocità l'avversario che non può far altro che stenderlo. Rigore, e ci starebbe anche il giallo, ma tant'è. Dal dischetto si presenta Antonio Ruzzenente (in foto) che inizialmente si fa ipnotizzare dal portiere, ma poi ribadisce in rete sulla respinta corta e centrale dell'estremo di casa. Si va così a riposo sull'1-1. Secondo tempo, con in campo Tronchin per Bruni e Giacomel per Sartorato, che inizia anche in maniera positiva. Su calcio d'angolo, battuto dalla sinistra, interviene capitan Continetto di testa e dalla tribuna si grida al gol, ma il pallone beffardo si spegne poco a lato. Da qui, e siamo al 50°, i nostri spengono la luce e su tre errori difensivi in uscita con il pallone dalla nostra metà campo, nel giro di 15 minuti, prendono 3 gol, di cui l'ultimo su un rigore fischiato forse un po' generosamente dal direttore di gara. Nel frattempo entrano anche Barbierato, Biasiato e Manuel Zanatta, ma di fatto la partita finisce qui nonostante altri 25 minuti di gioco. Insomma un primo tempo dove i ragazzi di mister Dal Bo hanno dimostrato di poter dire la propria in questa categoria e un secondo tempo dove si è visto che il mister dovrà ancora lavorare per porre rimedio ad alcuni elementari errori difensivi. Come attenuanti possiamo portare i carichi di lavoro (sabato i ragazzi si erano sottoposti ad una doppia seduta di allenamento) e l'assenza di alcuni elementi importanti nell'economia della squadra. L'obiettivo era comunque dall'inizio quello di arrivare pronti alla prima di campionato e siamo certi che questo di verificherà.